Resta sempre aggiornato sulle buone abitudini da adottare per uno stile di vita salutare.

* campi obbligatori
/ /
Sei un professionista sanitario?

Non perdere aggiornamenti utili su nutrizione e salute.

Ti puoi cancellare in qualsiasi momento cliccando nella parte bassa della tua email.
(*) Tutti i campi con l'asterisco* sono obbligatori.


We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

Come e cosa posso mangiare se vado in palestra all’ora di pranzo?

Data 23 giugno
2021
Tempo di lettura Tempo di lettura
3 min
#alimentazioneSport

L’attività fisica è importante per stare in salute! Spesso, però, non è semplice conciliare gli impegni lavorativi e familiari con l’esercizio. Per questo, molte persone scelgono la pausa pranzo come momento ideale in cui fare sport. E fanno benissimo, con un po’ di organizzazione è possibile sia allenarsi che mangiare in modo sano e corretto!

Come e cosa posso mangiare se vado in palestra all’ora di pranzo?

I crescenti impegni quotidiani (famiglia, lavoro, figli, etc.) rendono sempre più complicato riuscire a dedicare, ogni giorno, del tempo di qualità all’attività fisica. I momenti che si riescono a “strappare” a giornate sempre frenetiche ma sedentarie sono effettivamente pochi.

C’è chi riesce ad alzarsi molto presto e andare a correre o in piscina, chi preferisce frequentare la palestra o il corso di danza in orari quasi notturni, moltissimi, infine, si ricavano del tempo a cavallo della pausa pranzo. Capita però che mangino in modo non adeguato (poco, troppo, male, etc.) e quindi si scoraggino dal proseguire gli allenamenti o non ne ricavino il beneficio atteso.

Niente paura! Ecco qualche suggerimento smart per mangiare in modo sano e corretto anche allenandosi in pausa pranzo.

Mangiare e bere in modo smart quando ci si allena all’ora di pranzo

  • Sempre meglio non allenarsi a digiuno! Se si fa colazione molto presto (6.30-7.00) e ci si vuole allenare intorno alle 12.00-13.00 è preferibile portarsi uno spuntino (leggero o più ricco) da casa.
  • Uno spuntino leggero a base di carboidrati può essere fatto fino a 30 minuti prima dell’allenamento (una banana o 3 albicocche o prugne disidratate). Fino a 2 ore prima è possibile mangiare uno snack più ricco, contenente sia proteine che carboidrati (uno yogurt bianco naturale con un frutto o con 3 biscotti secchi).
  • Nel caso in cui si decida di pranzare presto per poi allenarsi, l’importante è farlo almeno 3 ore prima e scegliere pasti completi ma leggeri (riso integrale, pesce magro, verdura fresca e un frutto).
  • Al termine dell’allenamento è importante mangiare e bere adeguatamente, per recuperare i liquidi persi, ripristinare le scorte di glicogeno e rigenerare le fibre muscolari.
  • Se si è fatto solo uno spuntino prima di andare in palestra, sarà necessario, successivamente, fare un pasto completo, seguendo le regole del piatto sano, cioè assumendo, carboidrati, proteine, verdure e frutta (ad esempio un piatto unico di cous cous condito con una porzione di lenticchie, un’insalata e un frutto di stagione).
  • Avendo pranzato prima dell’attività, al termine, si potrà optare per uno spuntino costituito da carboidrati e proteine (un panino, su cui spalmare 50 g di ricotta, e un frutto).
  • L’idratazione è importante! Di norma, bevendo nell’arco della giornata la quantità di liquidi raccomandata dalle regole del piatto sano (circa 2 litri), si riesce ad arrivare sufficientemente idratati all’attività sportiva.
  • Per reintegrare i liquidi persi, soprattutto per gli sportivi amatoriali che si allenano per meno di 60 minuti in condizioni di temperature non eccessivamente elevate, è sufficiente reidratarsi con l’acqua minerale. Non è necessario, né l’impiego di bevande per sportivi, arricchite in carboidrati e sali minerali, né quello degli energy drinks, spesso eccessivamente ricchi in zuccheri.
  • Anche l’utilizzo di integratori, beveroni arricchiti di aminoacidi o proteine in polvere, negli sportivi non professionisti, non è raccomandato.
  • Non bere alcolici per reidratarti! Ogni tipologia di bevanda alcolica, per la presenza dell’etanolo, favorisce la diuresi, aumentando lo stato di disidratazione, e influisce negativamente sul recupero, inibendo la sintesi proteica e, di conseguenza, il corretto processo di riparazione del danno muscolare.
  • Per avere consigli più specifici e personalizzati, rivolgiti sempre ai professionisti della nutrizione (dietologo, nutrizionista, dietista) ed evita il “fai da te” o i suggerimenti del personal trainer.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.