Iscriviti e ricevi gli aggiornamenti di SmartFood sulle buone abitudini da adottare per uno stile di vita salutare.

* campi obbligatori
/ /
Sei un professionista sanitario?

Non perdere aggiornamenti utili su nutrizione e salute.

Ti puoi cancellare in qualsiasi momento cliccando nella parte bassa della tua email.
(*) Tutti i campi con l'asterisco* sono obbligatori.


We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

Qual è la verità sui centrifugati?

Data 07 novembre
2022
Tempo di lettura Tempo di lettura
4 min
#alimenti #informazione

I centrifugati, siano essi a base di frutta, verdura o un mix di entrambe, sono spesso considerati particolarmente efficaci per dimagrire, disintossicarsi e/o per fare il pieno di sostanze di origine vegetale, benefiche per la nostra salute. Ma è veramente così?

Qual è la verità sui centrifugati?

Negli ultimi anni si è diffusa una sorta di moda che ha portato a ritenere che l’impiego dei centrifugati possa aiutare il processo di dimagrimento o “disintossicazione” e, addirittura, prevenire l’insorgenza delle principali malattie croniche (tumori, diabete di tipo 2, patologie cardiovascolari, etc.).

Sarebbe molto bello poter dimagrire, prevenire o guarire da certe malattie semplicemente bevendo un centrifugato! Anche ai centrifugati, infatti, come ad altri alimenti e nutrienti, sono state attribuite proprietà “miracolose” che non corrispondono esattamente alla realtà.

Cosa sono i centrifugati?

Con il termine “centrifugato” ci si riferisce ad un succo puro, omogeneo e privo di fibra ottenuto mediante l’utilizzo della centrifuga, che dopo aver sminuzzato l’alimento (frutta o verdura) ne elimina la polpa e l’eventuale buccia, utilizzando, appunto, la forza centrifuga.

Sebbene il centrifugato concentri una buona quantità e varietà di vitamine, sali minerali e fitocomposti, accumula un notevole quantitativo di zuccheri (fruttosio) in poco volume ed è completamente privo di fibra, elemento dalle importanti proprietà nutrizionali. Nel caso di un centrifugato a base di sola frutta o mix verdura-frutta, quindi, ci ritroveremo con una bevanda che, per via dell’assenza di fibra e l’elevata concentrazione di fruttosio in poco volume, determinerà un assorbimento più veloce degli zuccheri e, di conseguenza, un picco glicemico più elevato, rispetto a quello che avremmo ottenuto mangiando della semplice frutta.

Meglio i centrifugati, gli estratti o i frullati?

È meglio prediligere i frullati a centrifugati ed estratti: tanto la centrifuga quanto l’estrattore producono succhi sostanzialmente senza fibra, quindi poco sazianti e privi di altre importanti proprietà di questo componente. Anche l’estrattore, infatti, pur ricavando un pochino più di fibra ed estraendo più succo rispetto alla centrifuga (pressando frutta e verdura con forza), restituisce essenzialmente solo una spremuta.

Nel frullato, invece, polpa e buccia non vengono eliminate, rendendo questa bevanda piuttosto densa, ragione per cui a volte viene allungata con acqua, latte o bevande vegetali. La presenza di fibra nel frullato, a differenza di centrifugato ed estratto, abbassa l’indice glicemico del preparato, così da favorire un assorbimento più lento degli zuccheri e limitare i picchi glicemici, quando lo si beve.

La temperatura che si sviluppa durante la centrifugazione rovina le proprietà nutrizionali dei centrifugati?

Centrifugati ed estratti, sebbene privi di fibra e con una concentrazione di zuccheri superiore a quella di frullati e frutta naturale, conservano vitamine, minerali e fitocomposti. Tuttavia, esiste un dibattito secondo cui le temperature che si sprigionano dal processo di centrifugazione degraderebbero questi micronutrienti.

In realtà dipende molto dal modello di centrifuga utilizzato: se potente, agisce velocemente senza raggiungere temperature che danneggerebbero le proprietà nutrizionali degli alimenti.

Va inoltre specificato che comunque, se frutta o verdura fossero esposte a temperature un po’ più alte per pochi secondi, anche le vitamine più sensibili al calore non ne risentirebbero in maniera rilevante.

Possiamo, quindi, concludere che il valore nutrizionale di vitamine e minerali presenti in centrifugati o estratti è sostanzialmente identico.

Il centrifugato andrebbe invece consumato appena preparato; un contatto prolungato con l’aria determina l’ossidazione di alcuni micronutrienti, alterandone di conseguenza le proprietà nutrizionali.

I centrifugati prevengono le malattie croniche?

La centrifuga concentra in un unico bicchiere vitamine, minerali e fitocomposti, sostanze necessarie e utili al nostro organismo, alcune delle quali studiate anche per il loro effetto protettivo rispetto all’insorgenza di certe patologie. Tuttavia, è stato provato da vari studi che è molto più efficace, dal punto di vista degli effetti sulla salute, mangiare l’alimento completo: la presenza della fibra in frutta/verdura, infatti, è in grado di rendere bioattivi alcuni composti. Inoltre, non va dimenticato che la fibra è in grado di abbassare i picchi glicemici e garantire il senso di sazietà: entrambi questi fattori contribuiscono a mantenere il normopeso, diminuendo, di conseguenza, il rischio di malattie croniche.

Ma quindi bere i centrifugati fa bene o male alla salute?

In conclusione, piuttosto che consumare bevande zuccherate o gassate, dissetarsi ogni tanto con un centrifugato di frutta e verdura può essere un altro modo per idratarsi, assumere utili micronutrienti e non farà certo male alla salute!

Ricordiamoci, però, che non deve essere un modo per sostituire i pasti e/o le regolari porzioni di verdura e frutta e non attribuiamogli proprietà miracolose che non ha.

Infatti, frutta e verdura fresca rimangono sempre la scelta migliore: nella dieta abituale, che dovrebbe essere di tipo mediterraneo, è consigliato assumerne fino a 5 porzioni al giorno, coprendo la metà del piatto smart.


Solo l’insieme di un corretto stile di vita e di una sana alimentazione consente di raggiungere e mantenere un peso salutare e diminuire, di conseguenza, il rischio d’insorgenza di malattie croniche.