Resta sempre aggiornato sulle buone abitudini da adottare per uno stile di vita salutare.

* campi obbligatori
/ /
Sei un professionista sanitario?

Non perdere aggiornamenti utili su nutrizione e salute.

Ti puoi cancellare in qualsiasi momento cliccando nella parte bassa della tua email.
(*) Tutti i campi con l'asterisco* sono obbligatori.


We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

Chi deve dimagrire deve preferire i prodotti “light”?

Si pensa che scegliere un prodotto “light” possa aiutare a raggiungere una perdita di peso in un tempo ridotto. Ma se il prodotto contiene meno grassi o zuccheri, allora non fa davvero ingrassare?

Bilancia.mf

Se mangio “light” perdo peso e non rinuncio a ciò che mi piace

I prodotti cosiddetti “light” vengono spesso utilizzati all’interno di regimi dimagranti perché possiedono un valore energetico inferiore rispetto al prodotto tradizionale equivalente.

Si crede che sostituire un’alimentazione equilibrata con prodotti o snack a basso contenuto calorico sia il modo più facile per ottenere la forma perfetta tanto desiderata. Il pensiero diffuso è, inoltre, che uno snack “light” aiuti a tenere sotto controllo la linea e magari a poterne mangiare di più, tanto è “light”!

Ed ecco qui il vero problema: l’idea che questi prodotti apportino meno calorie spinge a consumarne porzioni maggiori e, se l’intenzione era quella di buttar giù qualche chilo, l’intervento dietetico è ormai praticamente vanificato.

Il termine “light” incanta, ma mai fermarsi alle apparenze!

I prodotti “lightapportano meno calorie rispetto al loro equivalente tradizionale, poiché contengono meno grassi o zuccheri.

La riduzione del contenuto di alcuni loro nutrienti rende necessario, per migliorare l’accettabilità del prodotto, l’aggiunta di dolcificanti, come saccarina, aspartame, acesulfame K, di additivi aromatizzanti ed emulsionanti.

È scorretto pensare che questi prodotti non facciano ingrassare, che è possibile aumentarne le porzioni o che siano addirittura degli alimenti salutari.

La cosa importante è cercare di non farsi influenzare dal falso senso di sicurezza che gli alimenti “light” conferiscono ed imparare a leggere le etichette dei prodotti che normalmente si acquistano. Basta aggirarsi tra gli scaffali del supermercato e dare una semplice occhiata alla lista degli ingredienti e alla tabella nutrizionale. Troveremo specificato l’apporto energetico o calorico dato da grassi, carboidrati e proteine, il contenuto di zuccheri, grassi saturi e sale.

Per ottenere l’indicazione “light” il prodotto deve avere un valore energetico ridotto del 30% rispetto al prodotto di partenza. Confrontando gli ingredienti del prosciutto cotto “light” con quelli del prodotto tradizionale, noteremo che il “light” è effettivamente più povero di grassi, ma che contiene comunque molto sale e conservanti. Dunque, un affettato resta tale, anche se “light”. Osservando l’etichetta apposta sulla confezione di affettati in versione “light”, quali petto di tacchino o di pollo, è inoltre possibile notare che le stesse carni, nella versione fresca, hanno ugualmente un basso contenuto di grassi e rappresentano, pertanto, la scelta più salutare.

Calendario 2021 Smartfood

Fonti:

La dieta SmartFood, Liotta E con Pelicci PG e Titta L (2016) Rizzoli, Milano.

L’alimentazione in 100 domande, Ferrini K e Ghelfi F (2015) Altroconsumo Edizioni Srl, Milano.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.