Resta sempre aggiornato sulle buone abitudini da adottare per uno stile di vita salutare.

* campi obbligatori
/ /
Sei un professionista sanitario?

Non perdere aggiornamenti utili su nutrizione e salute.

Ti puoi cancellare in qualsiasi momento cliccando nella parte bassa della tua email.
(*) Tutti i campi con l'asterisco* sono obbligatori.


We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

Torna a: Verdure e ortaggi Torna a:
Verdure e ortaggi

Cavolo nero

Verdure e ortaggi

È fonte di vitamina K, una sola porzione ne copre l’intero fabbisogno giornaliero.

Cavolo nero

Valori nutrizionali per 100 g di parte edibile

Parte edibile (%)

-

Energia (kcal):

35

Acqua (g)

89,6

Proteine (g):

2,9

Lipidi (g):

1,4

Carboidrati disponibili (g):

4,4

Zuccheri solubili (g):

0,99

Fibra totale (g):

4,1

Cavolo nero

Valori nutrizionali per 100 g di parte edibile

Calcio (mg):

254

Ferro (mg):

1,6

Potassio (mg):

348

Vit. C (mg)

93,4

Vit. A Retinolo eq. (µg):

241

Vit K (µg):

389,6

Storia e botanica del cavolo nero

Il cavolo nero o cavolo toscano appartiene alla famiglia delle Brassicacee, nota anche con il nome di Crucifere. Sono più di 300 le varietà di cavolo che fanno parte di questa grande famiglia e sono tutte riconducibili alla stessa specie: Brassica oleracea. La varietà del cavolo nero è detta acephala e dal nome è intuibile come la pianta, a differenza di altri cavoli, non presenta la classica “testa”, bensì solo foglie allungate, bollose e di colore verde scuro che rappresentano la parte edule. È un tipo di ortaggio invernale e le prime gelate contribuiscono a rendere più tenere le foglie.

La varietà acephala non comprende solo il cavolo toscano ma anche il cavolo riccio, o kale, molto in voga sulle tavole degli Americani. Presenta foglie frastagliate con un colore che vira dal verde pallido al verde scuro.

Aspetti nutrizionali del cavolo nero

Ricco di acqua e povero di calorie, è un ottimo alimento dallo straordinario potere saziante grazie al quantitativo di fibra contenuto. Le vitamine che spiccano sono la vitamina C, la vitamina A e la vitamina K. Quest’ultima regola la sintesi di alcuni fattori importanti nella coagulazione del sangue e si accumula nelle foglie di colore scuro. Di conseguenza con una sola porzione di cavolo nero si copre l’intero fabbisogno giornaliero. Inoltre, la vitamina K non è idrosolubile e resiste alla cottura, per cui anche nella famosa ribollita che prevede una lunga bollitura del vegetale, non se ne riduce la quantità, al contrario di quanto succede con la vitamina C che si degrada al calore.

Passando alla vitamina A, non è presente in quanto tale nell’ortaggio poiché negli alimenti di origine vegetale sono presenti i suoi precursori, che rientrano nella classe dei carotenoidi. Tra i più rappresentati nel cavolo nero c’è il beta-carotene che, al contrario di quanto comunemente si pensa, non è contenuto solo nei vegetali di colore giallo-arancione ma anche in quelli a foglia verde. Un altro carotenoide presente è la luteina che, pur non avendo un’attività provitaminica, svolge un ruolo importante nella protezione della vista. Diversi studi hanno dimostrato come i carotenoidi siano molto resistenti alle alte temperature, anzi con la cottura aumenta la loro capacità di essere assorbiti da parte dell’intestino, soprattutto se associati a grassi come l’olio extravergine d’oliva.

Scienza degli alimenti

Entrambe le tipologie di cavolo, toscano e riccio, contengono una molecola che merita di essere citata per le sue proprietà protettive nei confronti del sistema cardiovascolare: la quercetina. E per le varietà a foglia scura tendenti al viola sono presenti anche le antocianine, molecole che in alcuni esperimenti di laboratorio hanno mostrato attività in grado di mimare il digiuno e promuovere la longevità.


Suggerimento

Suggerimento

Un consiglio è quello di non consumare il cavolo nero solo nella classica versione della ribollita, anzi di prediligerlo crudo da aggiungere all’insalata per non perdere preziose sostanze come la vitamina C e i glucosinolati.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.