Le insalate in busta sono sicure?

Le insalate in busta possono essere considerate sicure per via dei controlli e della sicurezza del processo di produzione. La qualità è buona e, in caso di mancanza di tempo, possono rappresentare una buona soluzione per non rinunciare al consumo di verdura.

L’insalata in busta fa male, è di bassa qualità e contiene cloro

Tutte le volte che si entra al supermercato ci si trova di fronte ad una scelta coraggiosa, ovvero decidere se comprare l’insalata fresca o quella in busta già pulita, lavata e tagliata, pronta al consumo.

Una lotta tra il “vorrei l’insalata fresca perché è più sana” ed il “però non ho tempo quindi prendo quella in busta”. L’ingrediente segreto del successo dell’insalata in busta, infatti, è proprio il grande risparmio di tempo.

Come in molti casi accade, asserire quale sia in assoluto la scelta migliore non è possibile, però si possono mettere in luce gli aspetti importanti così che ognuno individualmente possa prendere la propria decisione.

La critica maggiore mossa nei confronti dell’insalata pronta al consumo è sulla qualità, ritenuta bassa. Si può affermare che se tutte le normative vigenti sono state rigorosamente onorate, il prodotto finale giunto sulle nostre tavole è di buona qualità e paragonabile ad uno fresco.

Inoltre, la presenza di cloro sul prodotto finito, utilizzato per il lavaggio industriale dell’insalata, è scongiurato dai controlli effettuati regolarmente dall’azienda produttrice. Anche Altroconsumo nella sua analisi a campionamento del 2008 non ne trovò residui.

L’insalata in busta può rappresentare una scelta valida in mancanza di tempo

Piuttosto che non mangiare verdure per nulla al pasto, perché non si ha tempo di cucinarle o di lavarle, meglio utilizzare quelle pronte nei sacchetti.

Saranno probabilmente meno gustose, nel taglio avranno perso, forse, qualche proprietà nutrizionale ma almeno contengono fibra. La fibra al pasto è essenziale per prolungare il senso di sazietà e migliorare l’assorbimento intestinale di grassi e zuccheri.

Ecco qualche indicazione di buon senso da seguire quando si compra insalata in busta:

  1. Evitare le confezioni rigonfie. Potrebbe essere in atto una proliferazione batterica indesiderata.
  2. Evitare le confezioni con tanta condensa. È in quelle goccioline che i pochi batteri patogeni rimasti trovano le condizioni ideali di crescita.
  3. Mantenere la catena del freddo. Il prodotto è sicuro e di buona qualità se viene conservato costantemente a temperature inferiori agli 8°C. Se si compra la busta d’insalata in estate è una buona idea utilizzare le buste termiche e dirigersi rapidamente a casa.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.