Resta sempre aggiornato sulle buone abitudini da adottare per uno stile di vita salutare.

* campi obbligatori
/ /
Sei un professionista sanitario?

Non perdere aggiornamenti utili su nutrizione e salute.

Ti puoi cancellare in qualsiasi momento cliccando nella parte bassa della tua email.
(*) Tutti i campi con l'asterisco* sono obbligatori.


We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

Come valutare la validità di un’informazione?

Data 07 giugno
2021
Tempo di lettura Tempo di lettura
4 min
#informazione

Sapersi destreggiare tra le numerose fonti di informazione è fondamentale per fare scelte consapevoli.

Come valutare la validità di un’informazione?

Che sia la tv, il tablet, il computer o il cellulare, il tempo trascorso davanti agli schermi è sempre maggiore.

Ne consegue che, attivamente o passivamente, anche le informazioni su alimentazione e salute sono lette, ascoltate o viste attraverso siti web, post nei principali canali social, programmi televisivi e tanto altro ancora.

Le scelte individuali possono quindi essere anche condizionate da ciò che si capisce e si interpreta dai numerosi impulsi da cui siamo circondati.

Non sempre però le informazioni fornite sono verificate e sottoposte ad un’attenta analisi di veridicità. Ad esempio è facile navigare su siti web poco affidabili o guardare programmi televisivi che non forniscono con esattezza tutta la versione dei fatti.

Strategie smart per difendersi dalle fake news sulla salute

In un mondo sempre più digitale diventa importante sapersi difendere dalle notizie false, anche conosciute come “fake news”, e riconoscere, invece, le informazioni basate su solide evidenze scientifiche.

NON AFFIDARSI A SOLUZIONI TROPPO FACILI

Spesso avrete sentito affermazione del tipo “I broccoli sono un’arma contro il cancro” ma è sempre opportuno tenere presente che le malattie multifattoriali sono complesse e non possono risolversi con soluzioni troppo facili e a volte descritte quasi come “magiche”.

Anche l’organismo è una macchina complicata che interagisce con i diversi composti presenti negli alimenti. La strategia per la prevenzione va quindi cercata nello stile di vita complessivo e non in un solo alimento/comportamento.

LEGGERE ATTENTAMENTE

Il progresso scientifico necessita di tempo per ottenere risultati convincenti.

Attenzione quindi ai termini “nuova scoperta scientifica” oppure “trovata la soluzione”, in quanto anche una scoperta apparentemente plausibile ha bisogno di tempo per essere confermata. Nel dubbio, rivolgiti anche ad esperti che possano aiutarti a capire ciò che hai sentito e letto.

MANTENERE UN SANO SCETTICISMO

Non è necessario screditare o diffidare di ogni articolo o report che leggiamo o vediamo, ma è sufficiente utilizzare il buonsenso. Probabilmente se una soluzione suona troppo facile e comoda per essere vera, difficilmente lo sarà.

È importante tenere a mente che la nutrizione è una scienza complessa da studiare e che un singolo alimento non può essere considerato come un farmaco. È piuttosto l’insieme delle buone abitudini alimentari ad esercitare effetti positivi sul nostro organismo. A questo proposito, inoltre, l’unico modello alimentare ad oggi confermato dalla scienza per il suo ruolo protettivo per la salute è quello mediterraneo. Un modello che non coinvolge solo l’alimentazione ma molteplici buone abitudini (attività fisica regolare, non fumare, adeguato riposo etc.).

RICERCARE LA “VERSIONE INTEGRALE” DELLA STORIA

I report che possono essere trasmessi in tv, o che si possono leggere sui giornali, sono troppo brevi per includere tutti i dettagli di un argomento. È bene quindi approfondire, sentire il parere di più figure esperte e ricercare la versione completa dei fatti.

AFFIDARSI A FONTI ISTITUZIONALI E RICONOSCIUTE

Quando si legge o vede un’informazione su un determinato alimento, con un potenziale effetto positivo o negativo sulla salute, è sicuramente una buona abitudine controllare la fonte e ricercare nei siti istituzionali (come quello del Ministero della Salute) se la notizia è effettivamente corretta.

Comunque, prima di intraprendere dei cambiamenti drastici nella propria alimentazione/stile di vita è sempre raccomandabile consultare il proprio medico.

Ultimi consigli

  • Ricordati che per combattere la disinformazione e la diffusione di notizie false è importante condividere con conoscenti e parenti le informazioni verificate.
  • Sui social, non fidarti di chi non conosci, fai attenzione a dove metti “like” e chi decidi di seguire. Avere numerosi followers non sempre significa essere una figura competente in un particolare settore.
  • Chiedi sempre le prove quanto senti un’informazione per te nuova.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.