Uova e cioccolato: i protagonisti della Pasqua!

La Pasqua sta arrivando e molti staranno già pensando a cosa mettere in tavola nei giorni di festa. Sicuramente due alimenti non mancheranno: il cioccolato e le uova. Scopriamo insieme curiosità e caratteristiche nutrizionali di questi protagonisti dei pranzi pasquali.

Uova Pasqua Copertina

Nell’immaginario di tutti, il simbolo classico della Pasqua è l’uovo di cioccolato, immancabile protagonista di pranzi e cene, in questi giorni festivi.

Anche le uova di gallina sono spessissimo presenti sulle nostre tavole in questo periodo, o sode e decorate, oppure come ingrediente fondamentale per qualche ricetta tipica pasquale.

Ma siamo sicuri di conoscerli bene? Scopriamo insieme le caratteristiche nutrizionali più smart e alcune curiosità su cioccolato e uova!

Uova Pasqua Cioccolato
  • Il cioccolato è un alimento apprezzatissimo dalla maggior parte delle persone. Pur essendo un alimento con un contenuto calorico piuttosto elevato, perché contiene principalmente grassi e zuccheri, ci regala, nel caso del fondente, anche minerali e vitamine come potassio, zinco, ferro e vitamina A.
  • Esistono varie tipologie di cioccolato: bianco, al latte, fondente, oltre a quelli più elaborati contenenti anche frutta secca, disidratata, scorze di arancia, o rhum, etc. Tra tutti, il più smart è senza dubbio quello fondente con una percentuale di cacao del 70%.
  • Il cioccolato fondente al 70%, rispetto agli altri, è più ricco in zinco e magnesio: circa 6 quadratini coprono il 30% del fabbisogno giornaliero di questo minerale.
  • Il cioccolato fondente al 70%, inoltre, è ricco di molecole che sono state studiate per i loro effetti sulla salute. In particolare, spiccano alcuni polifenoli della classe dei flavonoidi: quercetina, catechine, procianidine ma anche metilxantine, come la teobromina. Queste molecole sembrano essere le responsabili dell’effetto protettivo su arterie e cuore, tenendo a bada la pressione arteriosa e riducendo, pertanto, uno dei maggiori fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.
  • Contrariamente a quanto si possa pensare, il consumo di piccole quantità di cioccolato fondente al 70% non determina variazioni negative del profilo lipidico, ossia del valore di colesterolo e trigliceridi.

Ma quanto cioccolato fondente al 70% mangiare? La porzione indicata dalla Società Italiana di Nutrizione Umana è di 30 g, circa sei quadratini di una classica tavoletta da 100 g.

In conclusione, anche se durante le vacanze di Pasqua ci concederemo probabilmente degli strappi alla regola, il consiglio, per il resto dell’anno, è quello di consumare cioccolato fondente al 70%, nell’ambito di una sana alimentazione e di una vita attiva, nelle porzioni consigliate, a meno che una condizione medica lo vieti.

Scopri di più sul cioccolato
Uova Pasqua Gallina
  • L’uovo racchiude in un guscio tutti i nutrienti necessari per lo sviluppo di una nuova vita e ha da sempre giocato un ruolo fondamentale nella nutrizione umana.
  • L’albume dell’uovo è essenzialmente composto da proteine, la cui qualità è elevatissima. Questo alimento, infatti, contiene tutti gli aminoacidi (i mattoncini che compongono le proteine) nelle giuste proporzioni e per questo viene considerato il riferimento per la valutazione della composizione amminoacidica di altri alimenti fonti di proteine.
  • Il tuorlo dell’uovo contiene per lo più grassi, sia saturi che insaturi, all’incirca nella stessa quantità. In un uovo sono presenti anche 220 milligrammi di colesterolo, una quantità non irrilevante, se si pensa che la Società Italiana di Nutrizione Umana invita la popolazione a non superare i 300 milligrammi al giorno. Tuttavia, il mito secondo cui il consumo di uova aumenti il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari è stato sfatato. L’uovo, consumato nelle giuste quantità (da 1 a 4 uova a settimana) non causa né la formazione di placche aterosclerotiche né problemi cardiovascolari. Il colesterolo assunto con la dieta, infatti, contribuisce solamente in parte alla produzione di quello circolante nel sangue e, a favorirne l’incremento, è un eccesso nel consumo di alimenti ricchi di acidi grassi saturi.
  • Le uova sono anche ricche di vitamine: un solo uovo (una porzione) copre più della metà del fabbisogno giornaliero di vitamina B12, che è fondamentale per la formazione dei globuli rossi e il corretto funzionamento del sistema nervoso. Anche le vitamine A e D sono presenti in buone quantità.

Anche se a Pasqua le uova vengono prevalentemente impiegate per la preparazione di torte dolci e salate o consumate sode, la loro preparazione ottimale, da preferire durante tutto l’anno, è alla coque: una cottura salutare, ideale per ottenere la miglior digeribilità di albume e tuorlo.

Potrebbe capitare, in questo periodo di festa, di abbondare con le quantità di uova. Nei giorni successivi, è importante fare attenzione alla scelta degli alimenti fonte di proteine, prediligendo quelli di origine vegetale come i legumi.
Scopri di più sulle proteine sane
Pasqua Auguri Smartfood

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.