Resta sempre aggiornato sulle buone abitudini da adottare per uno stile di vita salutare.

* campi obbligatori
/ /
Sei un professionista sanitario?

Non perdere aggiornamenti utili su nutrizione e salute.

Ti puoi cancellare in qualsiasi momento cliccando nella parte bassa della tua email.
(*) Tutti i campi con l'asterisco* sono obbligatori.


We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

Cottura-congelamento-riscaldamento (CFR) dei filetti di sardina (Sardina pilchardus). Effetto di diverse procedure di cottura e di riscaldamento sulla composizione degli acidi grassi

Analisi degli effetti indotti dalla successione di cottura-congelamento-riscaldamento dei filetti di sardina sulla composizione degli acidi grassi del pesce valutando differenti cotture e diversi metodi di riscaldamento

García-Ariasa MT et al, Food Chemistry, 2003

Cottura-congelamento-riscaldamento (CFR) dei filetti di sardina (Sardina pilchardus). Effetto di diverse procedure di cottura e di riscaldamento sulla composizione degli acidi grassi

Questo studio indaga la successione delle procedure di cottura-congelamento-riscaldamento (CFR). I filetti di sardina (Sardina pilchardus, Walbaum) sono stati cucinati mediante frittura, cottura al forno o alla griglia, successivamente congelati e poi riscaldati in forni convenzionali o al microonde al fine di studiare gli effetti immediati sulla composizioni degli acidi grassi. Sia la cottura che il congelamento-riscaldamento hanno effetti immediati (p < 0.001) sulla composizione di questi ultimi.

La maggiore perdita d’acqua e il maggior guadagno di grassi sono causati dalla frittura e, a seguire, dalla grigliatura e dalla cottura al forno. Il riscaldamento al microonde (MR) ha causato una maggiore disidratazione rispetto a quella osservata nel forno convenzionale (OR) con campioni grigliati-congelati e riscaldati al microonde che hanno perso anche i grassi. La frittura influenza in modo significativo (p < 0.001) la composizione degli acidi grassi della sardina, aumentando gli acidi oleico e linoleico e riducendo gli acidi eicosapentaenoico e docosaesaenoico. La cottura al forno e alla griglia hanno poco influenzato il contenuto di acidi grassi. Il congelamento-riscaldamento ha causato significative (p < 0.001) modifiche nella composizione degli acidi grassi aumentando il contenuto di acido oleico e riducendo gli acidi grassi omega-3; questi ultimi risultano più ridotti dal riscaldamento al microonde rispetto al riscaldamento nel forno convenzionale.

Pertanto, al fine di preservare gli acidi grassi omega-3, nutrienti con documentati effetti benefici, è da preferire la cottura delle sardine non seguita da ulteriori trattamenti rispetto alla procedura di cottura-congelamento-riscaldamento. Se, comunque, viene eseguito il sistema CFR occorre privilegiare il riscaldamento nel forno convenzionale rispetto al microonde.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.