Resta sempre aggiornato sulle buone abitudini da adottare per uno stile di vita salutare.

* campi obbligatori
/ /
Sei un professionista sanitario?

Non perdere aggiornamenti utili su nutrizione e salute.

Ti puoi cancellare in qualsiasi momento cliccando nella parte bassa della tua email.
(*) Tutti i campi con l'asterisco* sono obbligatori.


We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

Una dieta ricca di carboidrati, di fibre e povera di grassi ha effetti sulla perdita di peso negli adulti ad alto rischio di diabete di tipo 2

Indagine sulla relazione tra composizione della dieta e perdita di peso in soggetti ad alto rischio di diabete di tipo 2

Sylvetsky AC et al, J Nutr, 2017

Una dieta ricca di carboidrati, di fibre e povera di grassi ha effetti sulla perdita di peso negli adulti ad alto rischio di diabete di tipo 2

La perdita di peso rappresenta un fattore chiave nella riduzione del rischio di diabete. Il Diabetes Prevention Program (DPP) è uno studio clinico in cui individui ad alto rischio di diabete sono stati assegnati con modalità casuale al gruppo placebo (PLBO), al gruppo metformina (MET) o al gruppo che ha ricevuto un intervento intensivo sullo stile di vita (ILS), che includeva attività fisica (PA) e riduzione dei grassi alimentari.

Questo studio si pone l’obiettivo di comprendere l’associazione tra dieta e peso corporeo iniziale e di identificare specifici fattori dietetici capaci di predire la perdita di peso tra i partecipanti del DPP.

Le abitudini alimentari dei partecipanti sono state rilevate attraverso questionari di frequenza di assunzione di alimenti. Le associazioni tra il consumo di macronutrienti, i diversi gruppi di alimenti e il peso corporeo all’inizio dello studio sono state analizzate mediante regressione lineare, tenendo in considerazione possibili fattori confondenti come razza/etnia, età, sesso, apporto calorico e attività fisica. I modelli predittivi della perdita di peso a 1 anno sono stati corretti per il peso iniziale, la variazione dell’apporto calorico e il cambiamento di PA, oltre che stratificati per trattamento (MET, ILS e PLBO). Tutti i risultati sono presentati come stime ± SEs.

Dei 3234 partecipanti arruolati nel DPP, 2924 hanno completato i questionari alimentari (67.5% donne; età media: 50.6 ± 10.7 anni). Dopo aggiustamento statistico per l’introito calorico, dallo studio è emersa un’associazione negativa tra il peso corporeo iniziale e l’assunzione di carboidrati (-1.14 ± 0.18 kg di peso corporeo/100 kcal da carboidrati, p < 0.0001) e, precisamente, di fibra alimentare (-1.26 ± 0.28 kg/5 g di fibra, p < 0.0001 ). Sono emerse associazioni positive tra peso corporeo iniziale e grassi totali (1.25 ± 0.21 kg/100 kcal, p < 0.0001), grassi saturi (1.96 ± 0.46 kg/ 100 kcal, p < 0.0001) e proteine ​​(0.21 ± 0.05 kg/100 kcal, p < 0.0001). La perdita di peso rilevata dopo 1 anno in tutti i gruppi è stata associata ad una maggiore assunzione di carboidrati, in particolare di fibra alimentare, e ad un minor introito di grassi totali e di grassi saturi.

In conclusione, da questo studio emerge che un maggiore consumo di carboidrati, tra i partecipanti del DPP, precisamente di carboidrati ad alto contenuto di fibre, ed un ridotto apporto di grassi saturi e totali hanno meglio predetto la perdita di peso tra i partecipanti, dopo aggiustamento per l’introito calorico. Questi risultati supportano le evidenze a favore di una dieta ricca di carboidrati, di fibre e povera di grassi, nel contesto della riduzione calorica generale per la perdita di peso, che potrebbe prevenire il diabete nei soggetti ad alto rischio.

Questo studio è stato registrato presso: clinicaltrials.gov e identificato come: NCT000 04992.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.