Resta sempre aggiornato sulle buone abitudini da adottare per uno stile di vita salutare.

* campi obbligatori
/ /
Sei un professionista sanitario?

Non perdere aggiornamenti utili su nutrizione e salute.

Ti puoi cancellare in qualsiasi momento cliccando nella parte bassa della tua email.
(*) Tutti i campi con l'asterisco* sono obbligatori.


We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

Torna a: Condimenti Torna a:
Condimenti

Origano

Condimenti

Ricco di vitamine, minerali e quercetina, l’origano è una valida alternativa al sale per aromatizzare i propri piatti.

Origano

Valori nutrizionali per 100 g di parte edibile

 

Fresco

Secco macinato

Parte edibile (%)

100

100

Energia (kcal):

80

408

Acqua (g):

81,8

7,2

Proteine (g):

2,2

11,0

Lipidi(g):

2

10,3

Carboidrati disponibili (g):

9,7

49,5

Zuccheri solubili (g):

9,7

49,5

Fibra totale (g):

8,4

42,8

Origano

Valori nutrizionali per 100 g di parte edibile

 

Fresco

Secco macinato

Potassio (mg):

330

1670

Ferro (mg):

8,6

44

Calcio (mg):

310

1580

Folati tot. (µg):

274

0

Niacina (mg):

6,22

6,20

Vitamina B6 (mg)

1,21

1,21

Vitamina C (mg):

45

0

Vitamina A retinolo eq. (µg):

135

690

Vitamina E (mg): 

1,69

1,69

Storia e botanica dell’origano

L’uso dell’origano in cucina risale ad epoche antiche, noto già ai tempi dei romani. Tipico delle zone meridionali, la parola origano deriva dall’unione di due parole greche, oros e ganos. Il significato “delizia del monte” richiama le zone in cui la pianta preferisce crescere, l’origano infatti si può trovare anche in montagna e non solo nelle aree vicino al mare.

La pianta dell’origano è un arbusto appartenente alla famiglia delle Laminaceae. Le foglioline a forma lanceolata oppure ovale sono la parte edibile che, fresche o secche, sono utilizzate in cucina per aromatizzare numerosi piatti.

Aspetti nutrizionali dell’origano

L’origano da fresco è fonte di vitamine e minerali. Tuttavia anche da secco regala preziosi micronutrienti e fitocomposti. Soltanto 2 cucchiai di origano secco apportano circa 158 mg di calcio, il minerale importante per la salute delle ossa. Inoltre è un’importante risorsa di quercetina. La molecola sembra proteggere il cuore e i primi studi di nutrigenomica, la scienza che studia il rapporto tra DNA e alimenti, mostrano degli effetti nell’attenuazione dell’espressione dei geni che determinano l’invecchiamento cellulare. L’interesse è dedicato anche ad altre molecole: i terpeni. Questi sembrano silenziare i geni che inducono lo sviluppo della cellula verso un fenotipo canceroso.

Come tutte le erbe aromatiche, l’uso dell’origano in cucina è un’ottima alternativa al sale per dare sapore a piatti cotti o crudi, come ad esempio insalate, legumi, pesce. In Italia il consumo di sale, sia negli uomini sia nelle donne, è ben superiore alla quantità raccomandata di 5 grammi al giorno. Un consumo eccessivo di sale può favorire lo sviluppo di malattie croniche, soprattutto di ipertensione, noto fattore di rischio delle malattie cardiovascolari. Inoltre il sale è un noto fattore di rischio per il tumore dello stomaco.


Suggerimento

Suggerimento

L’origano fresco si può trovare da giugno a settembre. Per non farselo mancare il resto dell’anno, si possono preparare dei vasetti con le foglioline precedentemente lasciate ad essiccare.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.