Riso Venere con carciofi trifolati

  • Senza glutine
  • Vegetariano
  • Vegano
  • Senza lattosio

Difficoltà
Bassa

Preparazione
45 min

Dosi per
1 persona

Valutazione utenti

Esprimi un parere


Ortaggi di spicco in questa ricetta sono i carciofi. Il carciofo ha ben documentate proprietà epatoprotettrici, attribuibili soprattutto ai sesquiterpeni e ai flavonoidi. Grazie all’ottimo contenuto di fibre (250 grammi riescono a coprire metà del nostro fabbisogno giornaliero), inulina soprattutto, i carciofi contribuiscono alla salute dell’intestino, mantenendone la regolarità e facilitando la crescita di una flora intestinale favorevole (hanno un effetto prebiotico). Del carciofo sono anche state messe in luce proprietà ipocolesterolemizzanti, grazie alla presenza di principi che limitano la sintesi epatica di colesterolo, così come una sua più efficiente eliminazione attraverso la bile. Non da ultimo contengono anche buone quantità di calcio e ferro.

Ingredienti

  • 80 g di riso Venere
  • 250 g di carciofi freschi
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiaini di olio extravergine di oliva
  • Prezzemolo fresco q.b.
  • Sale q.b.

Per accelerare i tempi di preparazione o nel caso i carciofi non siano di stagione è possibile utilizzare i cuori di carciofi surgelati: la surgelazione non modifica sostanzialmente la composizione nutrizionale. Si potrà completare il pasto aggiungendo dei gamberetti alla ricetta oppure prevedendo di accompagnare il risotto con un secondo piatto a base di pesce che si sposa molto bene con il gusto aromatico del riso nero.

Preparazione

  1. Cuocere il riso in acqua per assorbimento per 15 minuti a partire dal bollore e poi lasciare coperto per altri 15 minuti fino a totale assorbimento dell’acqua di cottura (utilizzare il doppio di acqua rispetto alla quantità di riso, verificare comunque sulla confezione il rapporto con l’acqua e il tempo di cottura).
  2. Intanto, con un coltello da cucina, eliminare le punte spinose dei carciofi (tagliando circa un terzo dell’ortaggio) e le foglie esterne più coriacee, mondare il gambo con l’aiuto di un pelapatate e ripulire il cuore dalla peluria utilizzando uno scavino o un cucchiaino.
  3. Tagliare i carciofi a fettine sottilissime in senso orizzontale.
  4. In una padella di grosso diametro con i bordi bassi scaldare un cucchiaino d’olio e lo spicchio d’aglio in “camicia”, cuocere brevemente le striscioline di carciofo a fuoco sostenuto. È importante utilizzare una padella che abbia un diametro tale da non far ammassare troppo i carciofi, altrimenti è preferibile eseguire la cottura in più riprese; a fine cottura aggiungere il sale.
  5. Quando il riso sarà cotto farlo saltare a fiamma vivace con i carciofi per circa un minuto eventualmente aggiungendo un pò d’acqua calda per mantecare meglio.
  6. Completare la preparazione mantecando il riso con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva a crudo e con un ciuffo di prezzemolo tritato a mano o con un coltello di ceramica.

Buon appetito!

ricetta
a cura di

Fausto Aufiero
Dottore

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.