Il tè in bottiglia ha le stesse proprietà di quello in tazza?

Il tè è tra le bevande più diffuse a livello mondiale e, secondo alcuni studi, potrebbe allungare la vita. La bevanda viene preparata come infuso o decotto, ma bibite a base di tè, bevibili fredde, sono spesso ritenute erroneamente delle valide e pratiche alternative.

MITO: Il tè in bottiglia è un’alternativa pratica e veloce all’infuso

Il , in particolare la varietà verde, è considerato un prodotto con importanti proprietà benefiche per la salute. Oltre al tè in foglie o in filtri, è disponibile in commercio anche il tè in bottiglia, in lattina, in tetrapack. Questi non hanno la stessa composizione della classica bevanda ottenuta mediante infusione e il loro consumo andrebbe addirittura evitato.

Sono prodotti che del tè hanno solo il gusto e il colore, come quello pronto in bottiglietta e in lattina o i preparati solubili commercializzati in buste già dosate, che sciolte in acqua permettono istantaneamente di ottenere la bevanda. Non sono altro che bibite zuccherate, in cui l’infuso o l’estratto di tè è presente in bassissime quantità e il cui consumo, pertanto, andrebbe limitato.

FATTO: Infusi di tè verde e di tè nero per proteggere la nostra salute e vivere più a lungo

La comunità scientifica, insieme al tè verde, promuove a pieni voti anche il tè nero. Le foglie di entrambi, infatti, contengono delle sostanze benefiche per l’organismo, i polifenoli, e in particolare sono ricchi di una molecola appartenente alla classe delle catechine: l’epigallocatechingallato.

Da alcuni studi è emerso che bere tè verde e nero potrebbe essere protettivo per il sistema cardiovascolare. Infatti, il consumo di entrambe le tipologie di tè, sotto forma di bevanda ma anche di estratti (sia totali, sia di polifenoli e di singole classi di polifenoli, come catechine e teflavine) migliora, in alcuni studi, i parametri di rischio cardiovascolare, quali pressione diastolica e sistolica, colesterolo totale e colesterolo LDL, sia  di soggetti sani che con diagnosi di malattia cardiovascolare. Occorrono ancora altre evidenze per provarne, invece, gli effetti sulla prevenzione oncologica.

L’infuso si ottiene lasciando le foglie di tè nero o verde a bagno in acqua calda e, affinché le sostanze benefiche passino nella bevanda, il tempo di infusione deve essere di almeno 5 minuti. Il tè contiene caffeina, addirittura in concentrazioni superiori rispetto al caffè. Se i polifenoli vengono estratti in maggiore quantità, interagendo con la caffeina, riducono i suoi caratteristici effetti “eccitanti”. Il latte invece, neutralizza i polifenoli, motivo per cui bisognerebbe evitare di aggiungerlo all’infuso.

Per ottenere tutti i vantaggi correlati al consumo del tè se ne potrebbero bere da una a tre tazze al giorno, non esagerando con il consumo di altre fonti di caffeina, mentre le donne in gravidanza o in allattamento dovrebbero limitare quanto più possibile l’esposizione a tale sostanza.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.