Il caffè è compreso in una sana alimentazione?

Il caffè è una delle bevande più consumate al mondo. Anche se non è necessario alle nostre esigenze nutrizionali, il suo consumo moderato può apportare benefici per la salute.

MITO: Il caffè sarebbe meglio evitarlo perché fa male

Nella nostra dieta il caffè rappresenta una delle principali fonti di caffeina, insieme al e alla cioccolata. La caffeina è presente nelle bevande a base di cola e viene aggiunta a tutta una serie di alimenti, gelati, dolci, e ai cosiddetti “energy drinks”. Essa ha un’azione stimolante sul sistema nervoso, su quello cardiovascolare, renale e respiratorio ed è proprio il suo abuso che può causare effetti indesiderati, come tachicardia, insonnia e disturbi gastrointestinali.

L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare ha definito che l’assunzione giornaliera di caffeina ad un livello non superiore a 400 milligrammi non desta problemi di sicurezza per gli adulti sani. Tale consumo non determina nessun effetto avverso per l’organismo in relazione a tossicità acuta, salute cardiovascolare, delle ossa, rischio di tumore o per la fertilità maschile.                                                                                                                  

FATTO: Il consumo moderato di caffè è benefico per la salute

Una tazzina di caffè moka all’italiana contiene in media 125 milligrammi di caffeina, quella di un espresso circa 80 milligrammi. Quindi, se non ricorressimo in modo esagerato ad altre fonti di caffeina, potremmo consumare 3 caffè nell’arco della giornata con assoluta tranquillità. Attenzione al caffè “lungo”: al contrario di ciò che comunemente si crede, contiene concentrazioni maggiori di caffeina rispetto all’espresso normale o “ristretto”. Alla luce di quanto detto, il consumo moderato di caffè e di alimenti contenenti caffeina non causa problemi alla salute, tranne durante la gravidanza e l’allattamento, dove la soglia di sicurezza si dimezza. Nelle donne in gravidanza occorre un tempo più lungo per eliminarla e il feto, dal momento che la caffeina è capace e di attraversare la placenta, è esposto ad essa e ai suoi metaboliti per tempi significativamente più lunghi. Inoltre, la caffeina passa nel latte materno.

In tutti gli altri momenti della vita il consumo di caffè potrebbe giovare alla salute del fegato e, addirittura, il Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro lo ha definito un probabile fattore protettivo per il tumore dell’endometrio e del fegato. La tolleranza alla caffeina è individuale, chi non la tollera o non vuole eccedere, può consumare caffè d’orzo o decaffeinato.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.