L’effetto dei β-glucani contenuti nell’avena sul colesterolo-LDL, colesterolo non-HDL e apoB nella riduzione del rischio cardiovascolare: revisione sistematica e meta-analisi di studi randomizzati controllati

Analisi dell’effetto del β-glucano dell’avena sui parametri clinici di rischio cardiovascolare

Ho HV et al, Br J Nutr, 2016

L’avena è una ricca fonte di β-glucano, una fibra solubile e viscosa riconosciuta per le sue proprietà di ridurre i livelli di colesterolo e, di conseguenza, il rischio cardiovascolare. Sono state effettuate una revisione sistematica ed una meta-analisi di studi controllati randomizzati (RCT) che hanno indagato la capacità del β-glucano contenuto nell’avena di ridurre il colesterolo-LDL, non-HDL ed apoB e il rischio di patologie cardiovascolari.

Sono stati consultati MEDLINE, Embase, CINAHL e Cochrane CENTRAL. Sono stati inclusi gli RCT con un follow-up ≥ 3 settimane che hanno confrontato l’effetto di una dieta ricca di β-glucano dell’avena con diete volte al controllo del colesterolo-LDL, non-HDL o apoB. Due revisori indipendenti hanno estratto i dati ed esaminato la qualità degli studi e il rischio di bias. I dati sono stati combinati usando il metodo della varianza inversa con modelli a effetti casuali e sono stati espressi come media delle differenze con un intervallo di confidenza (IC) al 95%. L’eterogeneità è stata valutata attraverso il test di Cochran’s Q e quantificata attraverso l’indice di eterogeneità I2. In totale sono stati inclusi 58 studi (n = 3974).

Dai risultati è emerso che una dose media di 3.5 g al giorno di β-glucano dall’avena riduce significativamente il colesterolo-LDL (-0.19; 95% IC -0.23, -0,14 mmol/l, p < 0.00001), il colesterolo non-HDL (-0.20; 95% IC -0.26, -0.15 mmol/l, p < 0.00001) e apoB (-0.03; 95% IC -0.05, -0.02 g/l, p < 0.0001) rispetto agli interventi di controllo. Si è evidenziata una notevole eterogeneità nell’analisi del colesterolo-LDL (I 2 = 79%) e non-HDL (I 2 = 99%). I risultati ottenuti mostrano che il β-glucano contenuto nell’avena ha effetto nella riduzione del colesterolo-LDL, non-HDL ed apoB. Includere nella dieta cibi contenenti avena può rappresentare, quindi, una strategia utile per la prevenzione delle patologie cardiovascolari.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.