Torna a:
Verdure e ortaggi

Zucchine

Verdure e ortaggi

Sono fra gli alimenti con il maggior contenuto di acqua. Possono essere consumate crude, ad esempio grattugiate in insalata, per preservare vitamina C e folati.

Zucchine

Valori nutrizionali per 100 g di parte edibile

Parte edibile (%)

88

Energia (kcal):

14

Acqua (g):

93,6

Proteine (g):

1,3

Lipidi (g):

0,1

Carboidrati disponibili (g):

1,4

Zuccheri solubili (g):

1,3

Fibra totale (g):

1,3

Potassio (mg):

210

Fosforo (mg):

65

Vit. B6 Piridossina (mg):

0,1

Vit. C (mg):

11

Folati tot (µg):

52

Le zucchine sono i frutti della specie Cucurbita pepo. Appartengono alla famiglia delle Cucurbitacee e sono originarie dell’America. Tuttavia la classica zucchina cilindrica dal colore verde scuro ha origini italiane e ben più recenti, intorno ai primi anni del secolo scorso. La parte edibile della pianta corrisponde al frutto raccolto ancora lontano dalla piena maturazione; potenzialmente la zucchina può raggiunge dimensioni ben superiori a quelle che si è abituati a vedere in commercio, ma ciò comporterebbe anche lo sviluppo dei grossi semi che la renderebbero non più commestibile. È un vegetale tipicamente estivo considerato di stagione da giugno ad ottobre.

È fra gli alimenti a maggior contenuto di acqua e, perciò, presenta un apporto calorico bassissimo, appena 14 calorie per 100 grammi di prodotto crudo. Non merita altrettanto vanto per quanto riguarda l’apporto di fibra, solo 1,3 grammi per etto. Ciò nonostante, una porzione contribuisce comunque parzialmente al raggiungimento del quantitativo giornaliero raccomandato che corrisponde a circa 25 grammi.

Per preservare il contenuto, già modesto, di vitamina C e di folati, è opportuno consumare il vegetale crudo, ad esempio grattugiato finemente in un’insalata. Tra i minerali, l’unico degno di nota è il potassio.

 


Suggerimento

Mantenere in equilibrio potassio e sodio nella dieta è fondamentale per la salute cardiovascolare. Numerosi studi infatti portano alla conclusione che un ridotto consumo di sodio e un aumentato consumo di potassio possano aiutare a prevenire l’ipertensione.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.