Torna a:
Legumi

Piselli

Legumi

In commercio quelli secchi si trovano spezzati e decorticati, ottimi per iniziare ad aumentare il consumo di legumi superando i problemi di gonfiore intestinale.

Piselli

Valori nutrizionali per 100 g di parte edibile

 

Freschi

Secchi

Surgelati

Parte edibile (%)

47

100

100

Energia (kcal):

87

337

70

Acqua (g):

76,1

13

79

Proteine (g):

7

21,7

5,7

Lipidi(g):

0,2

2

0,4

Carboidrati disponibili (g):

12,4

53,6

7,5

Zuccheri solubili (g):

4,4

2,9

4,1

Fibra totale (g):

5,2

15,7

7,8

Potassio (mg):

202

990

190

Ferro (mg):

1,8

4,5

1,5

Calcio (mg):

47

48

33

Fosforo (mg):

101

320

90

Vit. B1 Tiamina (mg):

0,36

0,58

0,32

Folati tot. (µg):

65

33

78

Vitamina K (µg):

24,8

-

27,9

Legume dalle origini antiche, la pianta Pisum sativum appartiene alla famiglia delle Fabaceae conosciuta anche come Leguminose. Coltivata principalmente per l’alimentazione umana, la parte edibile della pianta sono i semi tondeggianti conservati all’interno del baccello.

A seconda della varietà i semi possono essere di diverse forme e colorazioni, dal verde più chiaro a quello più intenso. Aprile, Maggio e Giugno sono i mesi in cui è possibile trovarli freschi.

Come tutti i legumi non deve essere considerato un contorno, pertanto con il classico abbinamento seppie e piselli o carne e piselli si avrà un surplus proteico, non necessario. I piselli sono una fonte proteica a tutti gli effetti e per completarne il profilo aminoacidico è corretto accompagnarli con cereali, carenti proprio degli aminoacidi essenziali di cui i legumi sono ricchi e viceversa.

Se freschi o surgelati la porzione di piselli può arrivare fino a 200 grammi, poiché a differenza degli altri legumi hanno un contenuto minore di carboidrati. I piselli sono fonte di fibra, minerali e vitamine. Un piatto unico di pasta integrale e piselli fornisce circa 12,5 grammi di fibra, coprendo la metà della quantità giornaliera consigliata.

Tra le vitamine, sono rappresentate maggiormente la K e i folati. Una porzione di piselli freschi o surgelati soddisfa circa un terzo del fabbisogno giornaliero di vitamina K, importante per la sintesi di alcuni fattori della coagulazione del sangue.


Suggerimento

Se quelli freschi sono presenti sul mercato solo pochi mesi all’anno, nei restanti è possibile acquistarli surgelati, in scatola o secchi. Questi ultimi sono spesso decorticati e spezzati, privati dello strato esterno responsabile del gonfiore e dei fastidi intestinali che alcuni possono riscontrare, specie se non hanno un consumo regolare di legumi. Pertanto, sono un’ottima scelta per iniziare a introdurli sempre di più nella dieta e arrivare piano piano alle 3-5 porzioni settimanali consigliate.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.