Torna a:
Condimenti

Olio di oliva extravergine

Condimenti

L’olio extravergine d’oliva, fonte di grassi monoinsaturi, polifenoli e vitamina E, rappresenta il condimento principe di una sana alimentazione.

Olio di oliva extravergine

Valori nutrizionali per 100 g di parte edibile

Parte edibile (%)

100

Energia (kcal):

899

Proteine (g):

0

Lipidi (g):

99,9

Saturi totali (g):

14,4

Monoinsaturi totali (g):

72,9

Polinsaturi totali (g):

7,5

Carboidrati disponibili (g):

0

Vitamina E ATE (mg):

21,4

Condimento principe della penisola italiana, l’olio extra vergine d’oliva, già in epoche antiche, insaporiva i piatti in tutto il bacino del mediterraneo. La filiera dell’olio si distribuisce in tutto il paese, offrendo la possibilità di trovare, percorrendo tutto lo stivale, diverse varietà della pianta Olea europaea.

Tra ottobre e novembre i frutti dell’ulivo sono raccolti e trasferiti in frantoio, dove ha inizio la spremitura dell’olio extravergine d’oliva, ottenuta esclusivamente a freddo. Obiettivo è di tutelare la composizione del frutto fresco, ossia preservare tutti i composti che regalano caratteristiche sensoriali uniche e benefici per la salute.

L’olio extravergine d’oliva è costituito per circa il 70% da acidi grassi monoinsaturi, tra questi la fa da padrone l’acido oleico. Al contrario, l’apporto di acidi grassi saturi è limitato.

I suoi effetti sulla salute sono da attribuire anche ai polifenoli e alla vitamina E, 5 cucchiai da minestra di olio extravergine d’oliva coprono quasi la totalità del fabbisogno giornaliero.

Tra i polifenoli merita l’attenzione l’oleocantale, il flavonoide responsabile del pizzicore in gola che si percepisce all’assaggio dell’olio extravergine d’oliva fresco. Alcuni studi hanno provato che tale composto agisce sugli stessi target molecolari dell’ibuprofene, principio attivo di alcuni antinfiammatori utilizzati in ambito clinico.

I benefici nel consumo dell’extravergine sono molteplici. Confermato da numerosi studi, il ruolo nella promozione della salute cardiovascolare, s’indaga ancora il ruolo dell’olio extravergine nella prevenzione delle malattie oncologiche. Infine è stato provato il ruolo del consumo regolare di olio extravergine d’oliva nel controllo del sovrappeso e nella prevenzione del diabete.

 


Suggerimento

Per beneficiare di tutti questi effetti sulla salute, è consigliato il consumo a crudo. Le alte temperature degradano i preziosi composti dell’olio extravergine. Per questo si consiglia di condire preferibilmente a cottura ultimata.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.