Torna a:
Condimenti

Curcuma

Condimenti

La curcumina è il pigmento che tinge di giallo-arancio i piatti aromatizzati con la curcuma, una spezia che si può consumare tal quale in polvere oppure nel curry e in altre miscele di spezie.

Curcuma

Valori nutrizionali per 100 g di parte edibile

Parte edibile (%)

100

Energia (kcal):

312

Proteine (g):

9,6

Lipidi(g):

3,2

Carboidrati disponibili (g):

67,1

Zuccheri solubili (g):

3,21

Fibra totale (g):

22,7

Potassio (mg):

2080

Ferro (mg):

55

Calcio (mg)

168

Fosforo (mg):

299

Magnesio (mg)

208

Zinco (mg):

4,5

Folati tot. (µg):

20

Vitamina E (ATE) (mg):

4,4

La curcuma è una pianta delle Zingiberaceae, stessa famiglia di zenzero e cardamomo. La specie maggiormente coltivata e studiata è la Curcuma longa, pianta diffusa in tutto l’oriente.

Dalla lavorazione della radice, un rizoma di colore giallo-arancione, si ottiene una polvere tipica della cucina indiana che per molti anni è stata il principale colorante di tessuti. Oggi la spezia è arrivata anche sulle tavole del mondo occidentale, sia da sola sia come ingrediente del curry.

Il pigmento responsabile del colore giallo-arancio è la curcumina, molecola d'attenzione scientifica che mostra effetti interessanti sui geni dell’invecchiamento. Non solo, sembra interferire con lo stato infiammatorio e agire direttamente su alcune cellule di fegato e pancreas. Studi di laboratorio evidenziano una riduzione del rischio di obesità, diabete, malattie cardiovascolari e tumori. Mentre studi che indagano le abitudini dell’uomo mostrano, in chi fa un uso maggiore della spezia, un controllo migliore della glicemia, un aumento del colesterolo buono e in soggetti con aterosclerosi una riduzione del rischio di trombi.

L’uso della curcuma in cucina non deve essere limitato alle ricette tipicamente orientali, ma una spolverata può essere aggiunta alla preparazione di primi, secondi e verdure. Per aumentare la biodisponibilità della molecola attiva della curcuma basterà macinare del pepe nero. La piperina, infatti, amplifica le attività della curcumina. Anche l’uso di olio extra vergine d’oliva incrementa il suo assorbimento.

 


Suggerimento

In cucina la curcuma va tenuta lontano da fonti di calore e conservata in luoghi freschi. Generalmente è preferibile acquistare piccole quantità di spezie, se conservate a lungo possono diventare amare.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.