Torna a:
Verdure e ortaggi

Zucca

Verdure e ortaggi

È ricca di beta-carotene, il principale precursore della vitamina A preziosa per la vista, la pelle e le ossa.

Zucca

Valori nutrizionali per 100 g di parte edibile

Parte edibile (%)

81

Energia (kcal):

19

Acqua (g):

94,6

Proteine (g):

1,1

Lipidi (g):

0,1

Carboidrati disponibili (g):

3,5

Zuccheri solubili (g):

2,5

Fibra totale (g):

0,5

Potassio (mg):

202

Ferro (mg):

0,9

Fosforo (mg):

40

Vit. A Retinolo eq. (µg):

599

Vit. E ATE (mg):

1

La zucca è un ortaggio che fa parte della famiglia delle Cucurbitacee. Il nome del vegetale è utilizzato comunemente per identificare diverse specie, le più note sono Cucurbita maxima e Cucurbita moschata. La prima ha la classica forma rotondeggiante, con buccia di varie colorazioni e polpa gialla; la seconda presenta un frutto allungato o cilindrico con una polpa compatta che può assumere una colorazione gialla o arancione. La zucca è considerata di stagione da agosto a dicembre.

Presenta un contenuto calorico molto ridotto a causa della scarsa presenza di lipidi e proteine e al limitato apporto in carboidrati. Non si contraddistingue per essere un vegetale ricco di fibra, nonostante il contenuto non sia trascurabile.

Potassio, ferro e fosforo sono i minerali maggiormente rappresentati nel vegetale, ma non sono loro a rendere la zucca un alimento tanto prezioso. Ciò per cui si contraddistingue è il contenuto di vitamina A o, più precisamente, del più importante precursore di tale vitamina, il beta-carotene. La vitamina non è presente negli alimenti di origine vegetale, ma solo nelle fonti animali. Il nostro organismo, però, è in grado di trasformare alcuni carotenoidi, tra cui il beta-carotene, in vitamina A che svolge importantissime funzioni nell’organismo, a partire dal corretto processo di visione e dal normale sviluppo e differenziazione dei tessuti.

Oltretutto, il beta-carotene di per sé ha capacità antiossidanti, cioè è in grado di contrastare la formazione di radicali liberi. In passato, gli antiossidanti hanno destato un grande clamore a livello mediatico e un interesse all’interno della comunità scientifica. Oggi, però, il tutto si è concretizzato in un nonnulla. Se nonché si è giunti a due importanti conclusioni: per contrastare l’azione dei radicali liberi sono sufficienti le cinque porzioni quotidiane raccomandate di frutta e verdura e non vale il principio “di più è meglio”. A questo proposito, emblematico è uno studio condotto su fumatori ai quali venivano somministrate forti dosi di beta-carotene sotto forma di integratore e ciò ha portato ad un incremento di mortalità per tumore ai polmoni rispetto ai fumatori che non assumevano l’integratore.


Suggerimento

La biodisponibilità del beta-carotene è aumentata dal processo di cottura. Inoltre, essendo solubile nei grassi, aggiungere un veicolo lipidico come l'olio EVO  contribuisce a favorirne l’assorbimento.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.