Resta sempre aggiornato sulle buone abitudini da adottare per uno stile di vita salutare.

* campi obbligatori
/ /
Sei un professionista sanitario?

Non perdere aggiornamenti utili su nutrizione e salute.

Ti puoi cancellare in qualsiasi momento cliccando nella parte bassa della tua email.
(*) Tutti i campi con l'asterisco* sono obbligatori.


We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

Torna a: Erbe aromatiche Torna a:
Erbe aromatiche

Prezzemolo

Erbe aromatiche

Ricco di calcio, vitamina C e carotenoidi, il prezzemolo si presta ad insaporire molte ricette. Meglio non cuocerlo per mantenere intatto il suo profumo.

Prezzemolo

Valori nutrizionali per 100 g di parte edibile

 

Fresco

Secco macinato

Parte edibile (%)

80

100

Energia (kcal):

30

270

Acqua (g)

87,2

9,0

Proteine (g):

3,7

15,8

Lipidi (g):

0,6

7,0

Carboidrati disponibili (g):

tr

14,5

Fibra totale (g):

5,0

44,7

Prezzemolo

Valori nutrizionali per 100 g di parte edibile

 

Fresco

Secco macinato

Calcio (mg):

220

1080

Ferro (mg):

4,2

41,5

Vit. C (mg):

162

120

Folati totali (µg):

129

180

Vit. A retinolo eq. (µg):

943

3625

Vit. K (µg):

1640,0

1359,5

Storia e botanica del prezzemolo

Il prezzemolo (Petroselinum crispum o sativum) è una pianta comune, della famiglia delle Apiaceae, originaria del Mediterraneo. È coltivata e consumata in tutto il mondo sin dall’antichità e le sue foglie, fresche o essiccate, vengono utilizzate non solo in cucina, ma anche nella medicina tradizionale o per la formulazione di cosmetici. Con la cottura, il prezzemolo perde gran parte del suo caratteristico aroma, perciò è meglio aggiungerlo ai piatti soltanto all’ultimo momento.

Aspetti nutrizionali del prezzemolo

Come molte erbe aromatiche, il prezzemolo è ricco di micronutrienti e, anche se consumato in piccole quantità, può contribuire, specie quello secco, al fabbisogno di alcune vitamine e minerali.

Innanzitutto il calcio, importante per la salute di ossa e muscoli, che è ben rappresentato soprattutto nel prezzemolo secco. Buono è anche il contenuto di vitamina C e di carotenoidi, molecole queste ultime che agiscono come precursori della vitamina A. Due cucchiai di prezzemolo secco, infatti, apportano una quantità di vitamina A, pari al 50% del fabbisogno giornaliero di un adulto.

Scienza degli alimenti

Da sempre utilizzati nella medicina tradizionale, le foglie e i semi del prezzemolo, sono stati oggetto di numerosi studi per identificarne le proprietà. I fitocomposti più presenti sono i flavonoidi, che hanno dimostrato di avere una buona attività antiossidante contro lo stress ossidativo e l’azione dei radicali liberi.


Suggerimento

Suggerimento

Il prezzemolo fresco è ricco di vitamina C, che aumenta la capacità del nostro organismo di assimilare il ferro. A fine cottura, cospargere di un trito di prezzemolo alimenti ricchi in ferro, come carne e legumi, è quindi un’utile strategia per favorire l’assorbimento di questo minerale.

Il nostro sito usa i cookie per una migliore fruibilità di navigazione ed effettuare statistiche sul suo utilizzo. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.